IT

I nonni insegnano la cucina tradizionale

I nonni insegnano l’importanza della cucina tradizionale

Il 2 ottobre è stata la giornata dedicata ai nonni: una festa che vuole ricordare l’importanza familiare e sociale di persone che con la loro esperienza riescono a dare il valore aggiunto ai nipoti ma anche a tutta la società. Serenissima Ristorazione è vicina all’età saggia: i servizi di ristorazione collettiva vengono infatti svolti anche all’interno delle RSA. L’esempio dei nonni viene però portato anche all’interno dei menù, in cui trovano spazio ricette della cucina tradizionale. 

Perché i nonni sono vicini alla cucina tradizionale?

Da sempre le figure della nonna e del nonno sono per tutti l’immagine di persone che oltre alle coccole, ai giochi e all’ascolto rappresentano anche la buona cucina. Se si torna indietro nel tempo, infatti, non c’erano molti ristoranti e non c’era nessun fast-food: le persone mangiavano quasi sempre a casa o da amici. 

La provenienza delle materie prime

Anni fa, prima della globalizzazione, tutte le materie prime provenivano da fornitori a chilometro zero, non c’era bisogno di etichette per saperlo. La carne la si prendeva da allevatori vicini a dove si viveva, se non si avevano gli animali direttamente in casa; la frutta e la verdura proveniva da raccolti del vicinato o dall’orto di proprietà; l’acqua era sempre dei pozzi o del rubinetto e il vino lo si prendeva sempre da qualche viticoltore che si conosceva.

Il gusto tradizionale

La necessità di mangiare a casa, la provenienza delle materie prima a chilometro zero e il tempo dedicato “alla casa e alla famiglia” portavano donne e uomini a cucinare bene per poi condividere con familiari e amici. Serenissima Ristorazione prende spunto da quel tempo in alcune ricette che vengono portate all’interno dei menù.

Le ricette “sagge”

Polenta e baccalà, tagliatelle al ragù, brasati di carne, gnocchi fatti in casa, torte salate di verdure, vari tipi di dolci sono solo alcuni dei sapori genuini che si possono gustare con Serenissima Ristorazione. Sapori che riportano indietro nel tempo e rimembrano i nonni e le loro coccole.

L’eccellenza delle proprietà nutritive della tradizione

La cucina tradizionale ridà valore al cibo: non solo da un punto di vista conviviale, ma anche da un punto di vista nutritivo. Creare pietanze con verdure stagionali e carni allevate in modo genuino permette infatti di avere un’alimentazione d’eccellenza.