IT

Serenissima Ristorazione sostiene l’associazione “I bambini delle fate”

Gesti di solidarietà capaci di fare la differenza e cambiare la vita a tanti ragazzi e alle loro famiglie”: le parole di Mario Putin, Presidente di Gruppo Serenissima Ristorazione, riflettono alla perfezione lo spirito che guida le iniziative dell’associazione “I Bambini delle Fate”. Non a caso la realtà vicentina è entrata a far parte della squadra di aziende che supportano l’organizzazione no-profit nata per finanziare progetti di inclusione sociale per bambini e ragazzi con autismo e disabilità.

In particolare sono due quelli che si avvalgono del contributo diretto di Gruppo Serenissima Ristorazione. Il primo, ascrivibile all’ambito sanitario, riguarda i DSA (disturbi specifici dell’apprendimento) ed è stato attivato quattro anni fa all’Azienda ULSS n.7 Pedemontana Distretto Schio-Thiene per sostenere programmi di diagnosi e riabilitazione. Il secondo, più di carattere educativo, è curato da Ca’ Leido, centro di Altivole (TV) per bambini e adolescenti con disturbi dello spettro autistico. Tra i progetti realizzati rientra “Chi semina raccoglie”, finalizzato alla costruzione di una fattoria didattica: qui l’obiettivo è assicurare inserimenti lavorativi a persone con autismo che faticano a trovare collocazioni in contesti differenti. La vendita delle specialità prodotte all’interno della fattoria servirà poi per poter sostenere in autonomia le attività del centro ma anche come reddito per quanti vi lavorano.

Siamo davvero lieti di poter fare la nostra parte e ringraziamo I Bambini delle Fate, altro esempio virtuoso del nostro territorio” ha dichiarato Mario Putin, Presidente di Gruppo Serenissima Ristorazione, che da oltre trent’anni opera nel settore della ristorazione commerciale e collettiva in Italia e all’estero, anche sostenendo attraverso donazioni e iniziative benefiche le popolazioni a cui quotidianamente fornisce i suoi servizi.