IT

Serenissima Ristorazione: la storia della ristorazione collettiva

La ristorazione collettiva è diventata sempre più centrale, almeno nel mondo occidentale, a partire dalla metà degli anni ’50 del secolo scorso, come diretta conseguenza del fenomeno del boom economico che ha visto nascere le mense prima nelle fabbriche e, in un secondo momento, nel comparto terziario. Create quindi per motivazioni legate strettamente alle necessità dello sviluppo, le mense presenti in asili, scuole, imprese e ospedali hanno inoltre avuto come risultato il cambiamento rispetto alla vecchia idea di famiglia patriarcale, trasformandola in un concetto più allargato e moderno. Serenissima Ristorazione, gruppo di primo piano nel comparto della ristorazione collettiva e commerciale, conta oltre 9.000 dipendenti ed insieme alle 14 società correlate contribuisce ad una produzione di 50 milioni di pasti all’anno e ad un fatturato consolidato superiore a 330 milioni di euro. Presente in ogni ambito della ristorazione, vale a dire quelli commerciale, socio-sanitario, scolastico e aziendale, Serenissima Ristorazione ha una vision improntata lungo tre direttrici primarie: innovazione, crescita e lavoro. Oltre a questi valori, il gruppo si impegna da sempre nella sensibilizzazione verso una corretta cultura dell’alimentazione e nei confronti della sostenibilità ambientale, quest’ultima da tradursi concretamente attraverso iniziative a basso impatto come ad esempio l’impiego di prodotti a filiera corta, la preferenza accordata ai fornitori locali e, dove possibile, l’utilizzo di mezzi elettrici e di carburanti green.