IT

Serenissima Ristorazione: come evitare l’abuso di zuccheri da parte dei bambini

L’eccessivo impiego di zuccheri aggiunti è un problema diffuso, in particolare tra i giovanissimi. Il team di esperti di Serenissima Ristorazione ci spiega quali siano le conseguenze sui bambini e come sia possibile agire in ottica di maggiore consapevolezza su ciò che mangiano i più piccoli. La porzione di zuccheri semplici consentita è di 25 g al giorno, pari a 5 cucchiaini, ma il problema sono gli zuccheri aggiunti, presenti in merendine, barrette, succhi di frutta e bevande zuccherate, caramelle, salse e creme. Questi, infatti, sono deleteri per la salute dei bambini e non solo, poiché modificano l’equilibrio tra il lavoro dell’insulina e del glucagone nella regolazione della glicemia, andando ad accrescere la sensazione di fame e appesantendo e danneggiandolo anche il fegato. Come è possibile evitare l’assunzione da parte dei bambini di questo secondo tipo di zuccheri? Il team di esperti di Serenissima Ristorazione consiglia per prima cosa di verificare con attenzione gli ingredienti riportati sulle etichette dei prodotti preconfezionati: se tra questi sono elencati anche “fruttosio” oppure “sciroppo di glucosio e fruttosio”, si dovrebbe evitare di acquistarli. Meglio anche lasciar perdere tutte quelle pietanze pubblicizzate come salutari e contenenti diciture come ad esempio “light”, “zero calorie” oppure “prive di grassi”: in questo caso, infatti, i cibi sono quasi sempre poco piacevoli al gusto e, per tale ragione, le aziende tentano di ovviare al problema con l’aggiunta di zuccheri. Infine, è fondamentale far praticare ai bambini sport e attività fisica in maniera continua, con l’obiettivo di permettere al loro corpo di bruciare gli zuccheri assunti in quantità eccessiva: questo non vuol dire per forza di cose obbligarli a frequentare corsi o attività motorie in palestra, è sufficiente anche solo spingerli ad evitare sedentarietà e pigrizia.