IT

Serenissima Ristorazione sponsor serata solidale Fondazione San Bortolo

Fondazione San Bortolo: Serenissima Ristorazione sponsor della serata solidale al Teatro Comunale di Vicenza

La Fondazione San Bortolo onlus organizza un importante evento solidale a sostegno dell’Ospedale di Vicenza: la serata, prevista per il 29 settembre presso il Teatro Comunale, ha tra i suoi maggiori sponsor il Gruppo Serenissima Ristorazione, guidato dal Presidente Mario Putin.
“10 volte solidAli” è il titolo dell’evento, che prevede, oltre a letture ed esibizioni di danza e teatro, lo spettacolo di Cori della Brigata Alpini Cadore. Tra gli artisti presenti, parteciperanno Tobia Lanaro, Chiara Santagiuliana, Orizzonte Danza di Schio, Palladio Danza Vicenza e Kinema Danza Camisano.
La serata solidale coglie l’occasione per celebrare i 100 anni dalla fine della Grande Guerra e i 10 anni di attività della Fondazione San Bortolo, nata nel 2008 con lo slogan “si può fare di più”. Questi due eventi, apparentemente sconnessi tra loro, condividono invece degli importanti valori, che è fondamentale trasmettere alla comunità vicentina. La serata solidale a sostegno dell’Ospedale sarà un appuntamento ricco di arte e musica, per puntare l’attenzione verso le attività della Fondazione San Bortolo onlus e per esprimere gratitudine verso chi si sacrificò durante la Grande Guerra per offrirci un futuro di libertà. La Fondazione si occupa di raccogliere fondi a sostegno dell’Ospedale di Vicenza, per aiutare tutti i malati e migliorare costantemente la preparazione del personale, la qualità delle cure e delle attrezzature.
La serata avrà inizio alle 20.45 e richiederà una donazione consapevole di 15 euro. L’evento è organizzato dalla Fondazione San Bortolo, in collaborazione con Fondazione 3 Novembre e con l’Associazione Nazionale Alpini, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Vicenza. Oltre Serenissima Ristorazione, tra gli altri sponsor della serata vanno ricordati, tra gli altri, il Gruppo Euromeccanica, Confartigianato Vicenza e Caffè Vero.