IT

Serenissima Ristorazione

Serenissima Ristorazione: la volontà di proporre la tecnica innovativa del “Cook&Chill” anche alle scuole

Serenissima Ristorazione si presenta al territorio pavese, nel quale è già attiva con un appalto siglato nel settore ristorazione con Asst Pavia, attraverso la sua peculiarità: il servizio preparato grazie all’innovativa tecnica del “Cook&Chill” (cucinare e raffreddare). Questo metodo all’avanguardia prevede la preparazione dei pasti in legame refrigerato, che permette di conservare le qualità organolettiche e nutritive dei cibi e di preservarli da rischi igienico-sanitari. La tecnica “Cook&Chill” consente la cottura a vapore, a bassa temperatura e sottovuoto, senza aggiunta di grassi, conservanti, coloranti e aromi, per un tipo di cucina che ricalca quella di importanti chef stellati italiani.

Elisa Riccobene, Direttore Marketing di Serenissima Ristorazione, commenta così l’incontro tenutosi il 5 luglio: “Abbiamo voluto organizzare un evento per incontrare ed informare le realtà pubbliche e private del territorio che si occupano di sanità e sociale per spiegare in cosa consiste il concetto di innovazione nel nostro campo”. I vertici del Gruppo guidato dal Presidente Mario Putin hanno illustrato con una dimostrazione pratica il processo quotidiano che avviene nei centri di cottura, partendo da come vengono confezionati i prodotti in vassoi personalizzati o contenitori multiporzione fino a mostrare i carrelli che li trasportano in ospedali, case di riposo e scuole.

Elisa Riccobene ha sottolineato come questa procedura sia garantita da centri di cottura avanzati e da un’organizzazione interna proficua ed efficiente. Già attiva in ambito socio-sanitario, Serenissima Ristorazione si pone come obiettivo quello di proporre la propria offerta innovativa anche al mondo scolastico: “Vogliamo proporre il Cook&Chill nelle scuole per garantire ai bambini un pasto sempre più sicuro e sano, rispettando le eventuali diete alimentari senza trascurare la presentazione del piatto, l’appetibilità dei menu e l’educazione alimentare per ridurre lo spreco. La salute e le preferenze dei più piccoli sono la nostra priorità”.